HomeARCHIVIOJUS ON AIR - SENTENZE CIVILI

JUS ON AIR – SENTENZE CIVILI

Listen to my podcast

ll nuovo programma a cura del Movimento Forense di Avellino in onda tutti i mercoledì alle 12.30.

Nella puntata di oggi ci occuperemo di:

Dal min. 0:13.
Il codice del consumo e le competenze professionali dell’Avvocato.
Sentenza della Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione civile, n. 11389, pubblicata l’11.05.2018.
In caso di controversia avente ad oggetto le competenze professionali dell’avvocato, in virtù delle disposizioni del codice del consumo, la competenza territoriale si radica nel luogo di residenza del consumatore al momento della domanda. L’accertamento in merito allo spostamento di residenza o la mancata coincidenza con il luogo di residenza anagrafica spetta alla valutazione del giudice di merito.
Listen to my podcast

Dal min. 2:29.
Tutela delle nozze gay celebrate all’estero.
Sentenza della Corte Suprema di Cassazione, I Sezione civile, n. 11696 pubblicata il 14.05.2018.
Il matrimonio celebrato all’estero tra coppie omoaffettive, composte da un cittadino italiano ed uno straniero, non sono trascrivibili all’anagrafe italiana, ma tutelate e soggette alla disciplina delle unioni civili (legge Cirinnà), applicabile anche retroattivamente, in virtù del principio secondo cui la scelta del modello di unione riconosciuta tra persone dello stesso sesso negli ordinamenti aderenti al Consiglio d’Europa è affidata alla valutazione dei singoli Stati membri.
Listen to my podcast

Dal min. 4:01.
L’assistenza dell’avvocato è necessaria nella mediazione obbligatoria.
Ordinanza del Tribunale di Vasto del 09.04.2018.
Nei procedimenti di mediazione obbligatoria l’assistenza legale è necessaria e compatibile con il principio comunitario della tutela giurisdizionale effettiva sancito dagli articoli 6 e 13 della CEDU e dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, non comportando costi ingenti e pertanto non contravvenendo alle suddette disposizioni sotto il profilo della onerosità della procedura. La mancanza di assistenza legale comporta, dunque, un vizio di procedimento a cui conseguono sanzioni pecuniarie e processuali.
Listen to my podcast

Dal min. 6:37.
L’evento dannoso prevedibile costituisce caso fortuito, pertanto non risarcibile.
Sentenza del Tribunale di Pordenone del 05.04.2018.
E’ ravvisabile la presenza del caso fortuito allorquando l’evento dannoso si è prodotto esclusivamente per la condotta colposa del danneggiato, che non ha osservato le ordinarie cautele in considerazione delle condizioni di tempo e di luogo; conseguentemente viene meno il diritto al risarcimento del danno da cose in custodia ex art. 2051 c.c.
Listen to my podcast

A cura di Melita Festa

Ti consigliamo

Più ascoltati

Ti può interessare

X